Modulo di richiesta
X

Modulo di richiesta

È richiesto il campo nome.
Il campo ID email è obbligatorio.
  • Italy (Italia)+39
  • Afghanistan (افغانستان‎)+93
  • Albania (Shqipëri)+355
  • Algeria (الجزائر‎)+213
  • American Samoa+1684
  • Andorra+376
  • Angola+244
  • Anguilla+1264
  • Antigua and Barbuda+1268
  • Argentina+54
  • Armenia (Հայաստան)+374
  • Aruba+297
  • Australia+61
  • Austria (Österreich)+43
  • Azerbaijan (Azərbaycan)+994
  • Bahamas+1242
  • Bahrain (البحرين‎)+973
  • Bangladesh (বাংলাদেশ)+880
  • Barbados+1246
  • Belarus (Беларусь)+375
  • Belgium (België)+32
  • Belize+501
  • Benin (Bénin)+229
  • Bermuda+1441
  • Bhutan (འབྲུག)+975
  • Bolivia+591
  • Bosnia and Herzegovina (Босна и Херцеговина)+387
  • Botswana+267
  • Brazil (Brasil)+55
  • British Indian Ocean Territory+246
  • British Virgin Islands+1284
  • Brunei+673
  • Bulgaria (България)+359
  • Burkina Faso+226
  • Burundi (Uburundi)+257
  • Cambodia (កម្ពុជា)+855
  • Cameroon (Cameroun)+237
  • Canada+1
  • Cape Verde (Kabu Verdi)+238
  • Caribbean Netherlands+599
  • Cayman Islands+1345
  • Central African Republic (République centrafricaine)+236
  • Chad (Tchad)+235
  • Chile+56
  • China (中国)+86
  • Christmas Island+61
  • Cocos (Keeling) Islands+61
  • Colombia+57
  • Comoros (جزر القمر‎)+269
  • Congo (DRC) (Jamhuri ya Kidemokrasia ya Kongo)+243
  • Congo (Republic) (Congo-Brazzaville)+242
  • Cook Islands+682
  • Costa Rica+506
  • Côte d’Ivoire+225
  • Croatia (Hrvatska)+385
  • Cuba+53
  • Curaçao+599
  • Cyprus (Κύπρος)+357
  • Czech Republic (Česká republika)+420
  • Denmark (Danmark)+45
  • Djibouti+253
  • Dominica+1767
  • Dominican Republic (República Dominicana)+1
  • Ecuador+593
  • Egypt (مصر‎)+20
  • El Salvador+503
  • Equatorial Guinea (Guinea Ecuatorial)+240
  • Eritrea+291
  • Estonia (Eesti)+372
  • Ethiopia+251
  • Falkland Islands (Islas Malvinas)+500
  • Faroe Islands (Føroyar)+298
  • Fiji+679
  • Finland (Suomi)+358
  • France+33
  • French Guiana (Guyane française)+594
  • French Polynesia (Polynésie française)+689
  • Gabon+241
  • Gambia+220
  • Georgia (საქართველო)+995
  • Germany (Deutschland)+49
  • Ghana (Gaana)+233
  • Gibraltar+350
  • Greece (Ελλάδα)+30
  • Greenland (Kalaallit Nunaat)+299
  • Grenada+1473
  • Guadeloupe+590
  • Guam+1671
  • Guatemala+502
  • Guernsey+44
  • Guinea (Guinée)+224
  • Guinea-Bissau (Guiné Bissau)+245
  • Guyana+592
  • Haiti+509
  • Honduras+504
  • Hong Kong (香港)+852
  • Hungary (Magyarország)+36
  • Iceland (Ísland)+354
  • India (भारत)+91
  • Indonesia+62
  • Iran (ایران‎)+98
  • Iraq (العراق‎)+964
  • Ireland+353
  • Isle of Man+44
  • Israel (ישראל‎)+972
  • Italy (Italia)+39
  • Jamaica+1876
  • Japan (日本)+81
  • Jersey+44
  • Jordan (الأردن‎)+962
  • Kazakhstan (Казахстан)+7
  • Kenya+254
  • Kiribati+686
  • Kuwait (الكويت‎)+965
  • Kyrgyzstan (Кыргызстан)+996
  • Laos (ລາວ)+856
  • Latvia (Latvija)+371
  • Lebanon (لبنان‎)+961
  • Lesotho+266
  • Liberia+231
  • Libya (ليبيا‎)+218
  • Liechtenstein+423
  • Lithuania (Lietuva)+370
  • Luxembourg+352
  • Macau (澳門)+853
  • Macedonia (FYROM) (Македонија)+389
  • Madagascar (Madagasikara)+261
  • Malawi+265
  • Malaysia+60
  • Maldives+960
  • Mali+223
  • Malta+356
  • Marshall Islands+692
  • Martinique+596
  • Mauritania (موريتانيا‎)+222
  • Mauritius (Moris)+230
  • Mayotte+262
  • Mexico (México)+52
  • Micronesia+691
  • Moldova (Republica Moldova)+373
  • Monaco+377
  • Mongolia (Монгол)+976
  • Montenegro (Crna Gora)+382
  • Montserrat+1664
  • Morocco (المغرب‎)+212
  • Mozambique (Moçambique)+258
  • Myanmar (Burma) (မြန်မာ)+95
  • Namibia (Namibië)+264
  • Nauru+674
  • Nepal (नेपाल)+977
  • Netherlands (Nederland)+31
  • New Caledonia (Nouvelle-Calédonie)+687
  • New Zealand+64
  • Nicaragua+505
  • Niger (Nijar)+227
  • Nigeria+234
  • Niue+683
  • Norfolk Island+672
  • North Korea (조선 민주주의 인민 공화국)+850
  • Northern Mariana Islands+1670
  • Norway (Norge)+47
  • Oman (عُمان‎)+968
  • Pakistan (پاکستان‎)+92
  • Palau+680
  • Palestine (فلسطين‎)+970
  • Panama (Panamá)+507
  • Papua New Guinea+675
  • Paraguay+595
  • Peru (Perú)+51
  • Philippines+63
  • Poland (Polska)+48
  • Portugal+351
  • Puerto Rico+1
  • Qatar (قطر‎)+974
  • Réunion (La Réunion)+262
  • Romania (România)+40
  • Russia (Россия)+7
  • Rwanda+250
  • Saint Barthélemy (Saint-Barthélemy)+590
  • Saint Helena+290
  • Saint Kitts and Nevis+1869
  • Saint Lucia+1758
  • Saint Martin (Saint-Martin (partie française))+590
  • Saint Pierre and Miquelon (Saint-Pierre-et-Miquelon)+508
  • Saint Vincent and the Grenadines+1784
  • Samoa+685
  • San Marino+378
  • São Tomé and Príncipe (São Tomé e Príncipe)+239
  • Saudi Arabia (المملكة العربية السعودية‎)+966
  • Senegal (Sénégal)+221
  • Serbia (Србија)+381
  • Seychelles+248
  • Sierra Leone+232
  • Singapore+65
  • Sint Maarten+1721
  • Slovakia (Slovensko)+421
  • Slovenia (Slovenija)+386
  • Solomon Islands+677
  • Somalia (Soomaaliya)+252
  • South Africa+27
  • South Korea (대한민국)+82
  • South Sudan (جنوب السودان‎)+211
  • Spain (España)+34
  • Sri Lanka (ශ්‍රී ලංකාව)+94
  • Sudan (السودان‎)+249
  • Suriname+597
  • Svalbard and Jan Mayen+47
  • Swaziland+268
  • Sweden (Sverige)+46
  • Switzerland (Schweiz)+41
  • Syria (سوريا‎)+963
  • Taiwan (台灣)+886
  • Tajikistan+992
  • Tanzania+255
  • Thailand (ไทย)+66
  • Timor-Leste+670
  • Togo+228
  • Tokelau+690
  • Tonga+676
  • Trinidad and Tobago+1868
  • Tunisia (تونس‎)+216
  • Turkey (Türkiye)+90
  • Turkmenistan+993
  • Turks and Caicos Islands+1649
  • Tuvalu+688
  • U.S. Virgin Islands+1340
  • Uganda+256
  • Ukraine (Україна)+380
  • United Arab Emirates (الإمارات العربية المتحدة‎)+971
  • United Kingdom+44
  • United States+1
  • Uruguay+598
  • Uzbekistan (Oʻzbekiston)+998
  • Vanuatu+678
  • Vatican City (Città del Vaticano)+39
  • Venezuela+58
  • Vietnam (Việt Nam)+84
  • Wallis and Futuna+681
  • Western Sahara (الصحراء الغربية‎)+212
  • Yemen (اليمن‎)+967
  • Zambia+260
  • Zimbabwe+263
  • Åland Islands+358
Il campo del numero di telefono è obbligatorio.
Il campo della categoria di prodotto è obbligatorio.
Il campo dei commenti è obbligatorio.
******   *     *     *     *     *  *     *  *     *  
*     *  **   **    * *    *     *  **   **  *     *  
*     *  * * * *    * *    *     *  * * * *  *     *  
******   *  *  *   *   *   *  *  *  *  *  *  *  *  *  
*   *    *     *   *****   * * * *  *     *  * * * *  
*    *   *     *  *     *  **   **  *     *  **   **  
*     *  *     *  *     *  *     *  *     *  *     *  
Click to change
È richiesto il campo reale predefinito.

Prodotti

UPL, come azienda dedicata alla fornitura di mezzi tecnici, è fortemente impegnata a supportare gli agricoltori con soluzioni volte a coniugare la sostenibilità tecnica ed ambientale con quella economica, ponendo particolare occhio di riguardo alle colture che alimentano le più importanti filiere agro-alimentari (vite, olivo, pomodoro, riso, agrumi, melo e pero, barbabietola da zucchero, ecc.).

Trova il tuo prodotto

POLTIGLIA DISPERSS (Reg. n. 12096 del 21/04/2004)

Caratteristiche

Formulazione:
granuli idrodispersibili

Numero di registrazione:
12096 del 21/04/2004

POLTIGLIA DISPERSS

Sostanza attiva

Rame - solfato di rame neutralizzato 20,00%

Colture

Malattie
  • Pseudomonas syringae var. actinidiae: Dose su ettaro:5-7,4 kg/ha - Dose su ettolitro:500-740 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Intervenire da caduta foglie alal ripresa vegetativa. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas viridiflava: Dose su ettaro:5-7,4 kg/ha - Dose su ettolitro:500-740 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Intervenire da caduta foglie alal ripresa vegetativa. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae pv. syringae: Dose su ettaro:5-7,4 kg/ha - Dose su ettolitro:500-740 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Intervenire da caduta foglie alal ripresa vegetativa. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:4-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Alternaria alternata: Dose su ettaro:4-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:4-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas citri: Dose su ettaro:4-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Phytophthora citrophthora - Ph. spp: Dose su ettaro:4-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Coryneum beijerinckii: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas pruni: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Stemphilium vesicarium: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: TB
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Stemphylium vesicatorium, Alternaria spp: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: TB
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Cercospora beticola: Dose su ettaro:5-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:500-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • Cercospora beticola: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Pseudomonas syringae pv. Glycinea: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Plasmopara crustosa: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria alternata: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Ascochyta trifolii: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2,5-4 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri dauci: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Plasmopara crustosa: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • Xanthomonas corylina: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Cytospora corylicola: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae pv. avellanae: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Pseudomonas mors prunorum: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Cytospora sp.: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Coryneum beijerinckii: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Colletotrichum lindemuthianum: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas phaseolicola: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Uromyces appendiculatus: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Colletotrichum lindemuthianum: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas phaseolicola: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora phaseoli: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Uromyces appendiculatus: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum graminicola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum trichellum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas marginata: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Fraxini: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas caryophylli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum hibisci: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Begoniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas primulae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. zinniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. hederae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Dieffenbachiae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas asplenii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas andropogonis (=P. woodsii): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas maculiformis-gardeniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. poinsetticola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas aceris: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum azaleae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Mori: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum pollaccii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cambivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas jungladis: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas pelargonii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cactorum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora palmivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cryptogea: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas hyacinthi: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum griseum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cattleyae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Nerii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas gladioli pv. gladioli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum graminicola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum trichellum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas marginata: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Fraxini: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas caryophylli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum hibisci: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Begoniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas primulae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. zinniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. hederae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Dieffenbachiae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas asplenii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas andropogonis (=P. woodsii): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas maculiformis-gardeniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. poinsetticola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas aceris: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum azaleae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Mori: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum pollaccii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cambivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas jungladis: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas pelargonii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cactorum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora palmivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cryptogea: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas hyacinthi: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum griseum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cattleyae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Nerii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas gladioli pv. gladioli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:3,75-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:380-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas fragariae: Dose su ettaro:3,75-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:380-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Mycosphaerella fragariae: Dose su ettaro:3,75-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:380-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Colletotrichum lindemuthianum: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Fusicoccum amygdali: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Coryneum beijerinckii: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas pruni: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Xanthomonas corylina: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Cytospora corylicola: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae pv. avellanae: Dose su ettaro:3-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Xanthomonas jungladis: Dose su ettaro:2,5-7,5 Kg/ha - Dose su ettolitro:250-1000 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Intervenire da ripresa vegetativa a inizio fioritura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Spilocaea oleaginea: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Gloeosporium olivarum: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas savastanoi: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae subsp. savastanoi: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 14 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum graminicola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum trichellum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas marginata: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Fraxini: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas caryophylli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum hibisci: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Begoniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas primulae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. zinniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. hederae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Dieffenbachiae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas asplenii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas andropogonis (=P. woodsii): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas maculiformis-gardeniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. poinsetticola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas aceris: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum azaleae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Mori: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum pollaccii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cambivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas jungladis: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas pelargonii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cactorum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora palmivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cryptogea: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas hyacinthi: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum griseum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cattleyae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Nerii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas gladioli pv. gladioli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum acutatum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum graminicola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum trichellum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas marginata: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Fraxini: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas caryophylli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas avellanae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum hibisci: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Begoniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas primulae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. zinniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. hederae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris pv. Dieffenbachiae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas asplenii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas andropogonis (=P. woodsii): Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas maculiformis-gardeniae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris p.v. poinsetticola: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas aceris: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum azaleae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Mori: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum pollaccii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cambivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas jungladis: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas pelargonii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cactorum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora palmivora: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora cryptogea: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas hyacinthi: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum griseum: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cattleyae: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas savastanoi pv. Nerii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas gladioli pv. gladioli: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria allii: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum dematium v. circinans: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas flavescens: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomons marginalis pv. marginalis: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Stemphilium vesicarium: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Stemphylium vesicatorium, Alternaria spp: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas fluorescens: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora destructor: Dose su ettaro:3,4-5 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris (=vesicatoria) pv. vesicatoria: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris (=vesicatoria) pv. vesicatoria: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris (=vesicatoria) pv. vesicatoria: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 7 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Taphrina deformans: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas mors prunorum: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Fusicoccum amygdali: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Cytospora sp.: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Coryneum beijerinckii: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas arboricola pv. Pruni: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:1-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:100-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti in vegetazione: impiegare un dosaggio di 1-1,5 kg/ha (100-150 g/hl), effettuando al massimo 6 trattamenti per stagione. Al fine di prevenire o limitare fortemente fenomeni di fitotossicità, evitare gocciolamenti e/o anomali accumuli di prodotto sulla vegetazione adottando volumi d'irrorazione ridotti rispetto a quelli normali (non superiori a 1000 l/ha). In ogni caso, modulare il numero delle applicazioni in base alla pressione dei patogeni in base alla lunghezza del ciclo colturale della varietà in questione. Rispettare un intervallo minimo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s. di 21 giorni. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Pseudomonas syringae pv. pisi: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora pisi: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Peronospora viciae: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Nectria galligena - Cylindrocarpon mali: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Nectria galligena: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Erwinia amylovora: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Stemphilium vesicarium: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Stemphylium vesicatorium, Alternaria spp: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Pseudomonas syringae pv. papulans: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Necrtria galligena - Cylindrocarpon mali: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Venturia inaequalis - F. dendriticum: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Venturia pirina - Fusicladium pirinum: Dose su ettaro:1-7,5 kg/ha - Dose su ettolitro:50-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in due tipologie di trattamenti differenti: - Da mazzetti divaricati a raccolta (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 1-5 kg/ha (50-330 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Rispettare inoltre un I.s di 7 giorni. - Dall'inizio della caduta delle foglie alla comparsa dei mazzetti fiorali (prestare attenzione alle varietà sensibili al rame): in questa fase, impiegare un dosaggio di 2,5-7,5 kg/ha (170-550 g/hl) rispettando un intervallo fra i trattamenti di 5 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Xanthomonas campestris (=vesicatoria) pv. vesicatoria: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Pseudomonas corrugata: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Pseudomonas syringae pv. tomato: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
Malattie
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Xanthomonas campestris (=vesicatoria) pv. vesicatoria: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Pseudomonas corrugata: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Pseudomonas syringae pv. tomato: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
  • Colletotrichum coccodes: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Su pomodoro da mensa e da industria: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Su pomodoro da mensa, rispettare un intervallo di sicurezza di 3 giorni. Su pomodoro da industria, rispettare un intervallo di sicurezza di 10 giorni.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria alternata: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Plasmopara crustosa: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • : Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Alternaria raphani: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Plasmopara crustosa: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria radicina: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Pseudomons marginalis pv. marginalis: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
  • Plasmopara crustosa: Dose su ettaro:2,5-5 l/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha. Infine il consumo delle derrate (anche destiante alla produzione di mangimi) è cnsentito solo per le radici, smanltire il fogliame e la parte epigea in conformità alla regolamentazione nazionale.
Malattie
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Coryneum beijerinckii: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas pruni: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas arboricola pv. Pruni: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:2,5-6 kg/ha - Dose su ettolitro:170-470 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale: applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Il prodotto può essere impiegato in varie tipologie di trattamenti differenti: - Trattamenti da inizio a fine caduta foglie: impiegare un dosaggio di 2,5-5 kg/ha (170-330 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. - Trattamenti autunno-vernini: impiegare un dosaggio di 4-6 kg/ha (270-470 g/hl) rispettando un intervallo minimo di 14 giorni. Non è necessario alcun intervallo di sicurezza. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria porri cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas cichorii: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:3,4-6 kg/ha - Dose su ettolitro:340-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Elsinoe ampelina - Sphaceloma ampelinum: Dose su ettaro:2-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni Modulare l'intervallo di trattamento in funzione delle condizioni climatiche e della pressione della malattia. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l’impiego con irroratrici a recupero di volume, e nel caso di colture arboree nelle prime fasi di sviluppo o in allevamento ove, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d’acqua rispetto ai Volumi Normali (VN) sopraindicati (es. vite fino alla fase di fioritura), si suggerisce di fare riferimento alla sola dose in grammi per ettolitro (g/hl), avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Xanthomonas ampelina - Xylophus ampelinus - Erwinia vitivora: Dose su ettaro:2-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni Modulare l'intervallo di trattamento in funzione delle condizioni climatiche e della pressione della malattia. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l’impiego con irroratrici a recupero di volume, e nel caso di colture arboree nelle prime fasi di sviluppo o in allevamento ove, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d’acqua rispetto ai Volumi Normali (VN) sopraindicati (es. vite fino alla fase di fioritura), si suggerisce di fare riferimento alla sola dose in grammi per ettolitro (g/hl), avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
  • Plasmopara viticola: Dose su ettaro:2-6 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni Modulare l'intervallo di trattamento in funzione delle condizioni climatiche e della pressione della malattia. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Per l’impiego con irroratrici a recupero di volume, e nel caso di colture arboree nelle prime fasi di sviluppo o in allevamento ove, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d’acqua rispetto ai Volumi Normali (VN) sopraindicati (es. vite fino alla fase di fioritura), si suggerisce di fare riferimento alla sola dose in grammi per ettolitro (g/hl), avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
Malattie
  • Alternaria cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Colletotrichum lagenarium - Colletotrichum orbiculare: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Xanthomonas campestris: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2,5-5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo i dosaggi indicati, utilizzandolo in linea di principio i dosaggi maggiori in caso di alta pressione della malattia e nelle fasi di maggiore suscettibilità della coltura. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Inoltre non superare il dosaggio annuale di 4 kg/ha di rame. Inoltre rispettare un intervallo fra i trattamenti di minimo 5 giorni. Per l'impiego con irroratrici a recupero di volume, per una corretta bagnatura della vegetazione, sia sufficiente una minore quantità d'acqua rispetto ai volumi normali, avendo ovviamente cura di non superare la dose massima ad ettaro. In caso di volumi diversi da quelli indicati fare riferimento ai dosaggi per Ha.

Tutti gli Agrofarmaci presenti nel sito sono autorizzati dal Ministero della Salute. Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale.